Le Portatrici Carniche

Vai ai contenuti
Le Portatrici
Carniche
“Anin, senò chei biadaz ai murin encje di fan”
Ogni passo era un atto di coraggio.
Per non dimenticare il loro sacrificio,
un esempio per tutti di impegno e tenacia.
Una dimostrazione di audacia e intraprendenza
avute sotto il fuoco nemico.

 La straordinaria pagina delle Portatrici carniche, scritta tra l'agosto del 1915 e l'ottobre del 1917,  è forse unica nella storia dei conflitti armati.
 Tre Portatrici Carniche furono ferite: Maria Muser Olivotto, Maria Silverio Matiz di Timau e Rosalia Primus di Cleulis.

Maria Plozner Mentil fu invece colpita a morte.
1915-2018 Le Portatrici Carniche
Credits Manuela Di Centa - Stefania P. Nosnan
Torna ai contenuti